pizza panini & co

Pizza con cipolle, pinoli e gelatina di dolcetto

Gooood morning!!! Buon inizio settimana a tutti! Passato bene il weekend? Noi abbiamo montato il letto nuovo (modello sbagliato, mea culpa, ma ce ne siamo accorti solo una volta montato, argh!), smontato il lettino con le sbarre (anzi, se a qualcuno serve un lettino bianco della Foppapedretti, come nuovo, faccia un fischio!), ma fortunatamente siamo anche riusciti a uscire un po’ a goderci la tanto attesa tregua dalla pioggia incessante dei giorni scorsi.
Anche da un punto di vista culinario, weekend iperproduttivo (stay tuned…;) conclusosi ieri sera con una bella pizza ideata appositamente per assaggiare l’ultimo dei deliziosi prodotti dell’Azienda Agricola Mariangela Prunotto per il contest di Emanuela del blog Arricciaspiccia: la Gelatina di Dolcetto. Mai assaggiata prima, mi è da subito sembrata perfetta per questo abbinamento…e il risultato è riuscito pure a superare le aspettative!!! :)

Pizza con cipolle, pinoli e gelatina di dolcetto
Autore: 
Portata: pizza panini & co
Porzioni: 2
 
Ingredienti
  • 350-400g di pasta per pizza
  • 400g di cipolle bianche
  • 150g di mozzarella di bufala
  • 30g di pinoli
  • Gelatina di Dolcetto
  • olio evo
  • sale e pepe
Procedimento
  1. Sbucciare le cipolle e affettarle molto sottilmente. Farle dorare in un'ampia padella con un filo di olio extravergine d'oliva. Lasciarle appassire per qualche minuto, poi aggiungere mezzo bicchiere di acqua, salare e pepare, coprire e proseguire la cottura per altri 15 minuti.
  2. Tagliare la mozzarella a dadini e metterla a scolare in un colino a maglie strette, in modo che perda i liquidi in eccesso.
  3. Stendere la pasta in una teglia rivestita di cartaforno. Distribuirvi sopra cipolla, mozzarella e pinoli. Condire con un filo d'olio extravergine d'oliva e cuocere in forno preriscaldato a 250° per 20-25 minuti circa.
  4. A cottura ultimata, distribuire la gelatina a "gocce" sulla pizza ancora ben calda. Servire subito in tavola.

In cucina con me: Gelatina di Dolcetto Az. Agr. Mariangela Prunotto

Con questa ricetta partecipo al contest di Emanuela del blog Arricciaspiccia in collaborazione con l’Azienda Agricola Mariangela Prunotto

You Might Also Like

9 Comments

  • Reply
    Pinko Pallino
    11 Marzo 2013 at 16:57

    Davvero una faccina simpatica la tua pizza..questa gelatina m'incuriosisce!!!

  • Reply
    Barbara Baccarini
    11 Marzo 2013 at 20:35

    wow..che meraviglia di piatto che sei riuscita a creare!!

  • Reply
    lalexa
    11 Marzo 2013 at 22:12

    mi credi che questa pizza mi esalta da pazzi?mi è rimasta della gelatina al dolcetto!la faccio !tiè!bacione Danja a presto;)

  • Reply
    Federica
    12 Marzo 2013 at 6:48

    Geniale la gelatina di dolcetto sulla pizza. E' l'unico dei 4 prodotto che non ho idea di come usare. Adesso lo so. Oltretutto la pizza con le cipolle l'adoro :D! Un bacio, buona giornata

  • Reply
    ema.arricciaspiccia
    15 Marzo 2013 at 12:48

    Mi piace moltissimo, ma ti faccio un appunto: perché non farla diventare davvero il condimento facendo cuocere prima le cipolle con un pochino di gelatina?! Te lo dico perché l'idea è geniale e il sapore deve essere super, ma così la gelatina diventa un "di più" e non parte integrante di questa super ricetta!
    Mi permetto di dirtelo perché mi piace moltissimo!
    Grazie mille!
    Ema

    • Reply
      unpinguinoincucina
      15 Marzo 2013 at 13:04

      Grazie dell'appunto, Ema, i suggerimenti sono sempre ben accetti. In effetti, potrebbe essere un'ottima alternativa. Io l'ho messa dopo perché sulla pizza mi piace l'aggiunta di ingredienti "a freddo" che sprigionano il loro sapore e profumo con il calore della pizza appena sfornata. Ho scattato le foto subito dopo il tocco finale, ma ora che ho iniziato a mangiare la gelatina si era bella sciolta e distribuita sul condimento. Forse un ulteriore scatto non ci sarebbe stato male…ma una volta addentata non c'ho più capito nulla! hehe ;)

    Leave a Reply

    Ti piace questa ricetta?:  

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Send this to a friend