antipasti e finger food/ secondi piatti/ Senza categoria

Insalata di polpo e ceci con pomodori secchi

Ode al Wi-Fi libero nei luoghi e locali pubblici! Ringrazio il bar all’angolo di fronte alla scuola materna della Principessa per avermi ospitata con il suo Wi-Fi, i suoi marocchini schiumosi e le sue brioche fragranti in queste mattine di “lieve” inserimento (un’ora e 15 minuti) permettendomi così di essere operativa senza allontanarmi troppo dal “luogo del delitto” visto lo strazio dei primi giorni di distacco assolutamente non gradito dalla signorina.
Ieri fortunatamente è andata molto meglio :o) e finiscono qui anche i miei pit-stop lavorativi al bar (da oggi si torna a orari simil decenti). Ma se nelle prossime settimane non mi doveste trovare al lavoro o a casa sapete dove mi potete scovare! ;o)
Ma passiamo alla ricetta di oggi…una fresca insalata di polpo per afferrare e trattenere ancora un po’ l’estate prima di salutarla definitivamente.

Ingredienti per 2 persone:

500g di polpo surgelato
150g di ceci cotti
una manciata di pomodori secchi
1 limone
aglio in polvere
prezzemolo
olio evo
sale e pepe

Mettere il polpo ancora congelato in una pentola con abbondante
acqua fredda, portare a ebollizione e lasciare sobbollire per circa 25-30 minuti. (Io questa volta mi sono ritrovata tra le mani un polpo da 1kg che ho cotto per 40 minuti circa, ovvero un’ora dal momento in cui ho messo sul fuoco la pentola con l’acqua fredda. Metà polpo l’ho usato per l’insalata di oggi e l’altra metà…lo scoprirete presto!)
Lasciare raffreddare il polpo nella sua acqua di cottura, spellarlo togliendo i tentacoli più grossi (possono non piacere a tutti) e tagliarlo a tocchetti.
Riunire il polpo in un’insalatiera insieme ai ceci, i pomodori secchi tagliati a listarelle, abbondante prezzemolo tritato, la zesta grattugiata di mezzo limone e un pizzico di aglio in polvere (più delicato per chi come me non ama il sapore dell’aglio).

Condire con olio extravergine d’oliva, il succo di mezzo limone, una macinata di pepe nero e sale.
Impiattare e finire con un ultimo filo d’olio.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Send this to a friend