primi piatti

Risotto viola

risotto-viola

Ieri sono stata al mio primo Identità Golose, il Congresso Internazionale di Cucina che si è tenuto a Milano in questi giorni (da domenica 6 ad oggi, per la precisione). Non potete capire…mi sentivo come Alice nel Paese delle Meraviglie! Ad ogni angolo mi imbattevo in uno chef famoso, ovunque mi girassi c’era la possibilità di assistere a vere e proprie opere d’arte più che dimostrazioni di cucina. Ho fatto veramente il pieno: di sensazioni, di profumi, di sapori…e di abbracci con le amiche di iFood, che era nientepopodimeno che media partner di Identità Golose 2016. :D Insomma, è stata un’esperienza bellissima e anche se non ambisco a ricreare nulla di quello che ho visto o assaggiato (anche se, a dirla tutta, qualcosina da provare ci sarebbe…), sono tornata piena di stimoli e con la mente che mi frullava a mille.

Cosa mi sono portata a casa oltre ai ricordi? Un piccolo vasetto con dentro una “strana” massa bianca, gentile omaggio di Autogrill, anche loro presenti per la prima volta con Bistrot, il concept sviluppato in collaborazione con l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche (Unisg) di Pollenzo. Dopo un’attenta analisi della cartella stampa ho dedotto che si trattava di lievito madre, immancabile ingrediente delle meravigliose specialità che i mastri panificatori sfornavano a ciclo continuo, accompagnato da una deliziosa centrifuga di “Pomella”, antica varietà di mela piemontese (chissà se riesco a convincere il gentil consorte ad acquistare una centrifuga? hihihi). Tornando al lievito madre, la mia reazione è stata:   Aiuto!!!! E adesso??? Per il momento giace sereno nel mio frigorifero, se qualcuno avesse dei consigli (facili, mi raccomando!!!) sono ben accetti. ;)

Ovviamente, non mi sono subito fiondata in cucina a cucinare (anche solo perché dopo tutti quegli assaggi chi ce l’aveva il coraggio di mangiare ancora! hahaha). Ma l’ispirazione del momento mi ha portata a scegliere questo scenografico risottino viola da condividere con voi oggi: una ricetta che avevo adocchiato sul sito de Il Cucchiaio d’Argento e che mi ha colpito soprattutto per quella sua aria primaverile. E poi il viola è un colore molto femminile e quindi perfetto anche per festeggiare le donne! ^-^

risotto-viola

Ricetta tratta da Il Cucchiaio d’Argento

Risotto viola
Ingredienti per 2 persone:

150g di riso Carnaroli
200g di cavolo rosso
50g di speck a listarelle
½ mela Golden
½ scalogno
burro
vino bianco
brodo vegetale
parmigiano reggiano
aceto bianco
olio evo
sale

Tagliare 150g di cavolo a tocchetti e frullarlo con 2-3 cucchiai di acqua molto fredda e un cucchiaio di olio extravergine d’oliva fino a ottenere una crema omogenea.
Tagliare i restanti 50g di cavolo a julienne e saltarlo in una padella antiaderente con un goccio di olio e sale. Bagnare con 1 cucchiaio di aceto e proseguire la cottura fino a quando il cavolo diventa morbido.
In una casseruola, rosolare lo scalogno tritato finemente con un filo di olio extravergine d’oliva, aggiungere il riso, tostarlo e sfumarlo con una spruzzata di vino bianco. Bagnare con il brodo e un cucchiaio di crema di cavolo e portare il riso a cottura, alternando i due liquidi.
Nel frattempo, rosolare lo speck in una padella antiaderente senza aggiunta di condimenti.
Al termine della cottura, mantecare il riso con una piccola noce di burro e una manciata di parmigiano grattugiato.
Distribuire il risotto nei piatti, cospargerlo con la mela tagliata a cubetti, un ciuffo di cavolo stufato, le listarelle di speck e qualche scaglia di parmigiano.
Servire subito.

risotto-viola

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Vale
    8 Marzo 2016 at 15:46

    eccomi nella tua cucina!!! Che bello questo risotto! L’ appuntamento a Identità Golose deve essere stato entusiasmante! Il prox anno spero di riuscire a venire! Un grande abbraccio

    • Reply
      Danja
      8 Marzo 2016 at 15:50

      Ciao Vale!!! ^-^
      Sìii, dai, vieni così ci andiamo tutti insieme!
      Un abbraccio ??

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Send this to a friend