quiche e torte salate

Tarte ai porri e prosciutto cotto

Il silenzio prima della tempesta. Il titolo dell’ultimo film che ho visto? No, più che altro l’aria che respiro intorno a me. Avete presente quelle giornate tranquille, banali, quasi un filo noiose che uno ad un certo punto dice: “Non può essere vero, ci deve essere qualcosa sotto, ora vedrai che scoppia il putiferio”? Il mio non è allarmismo, anzi, il putiferio potrebbe anche essere una valanga di avvenimenti più o meno belli che ti stravolgono la vita. Semplicemente ho una strana sensazione che non riesco a togliermi di dosso. Magari mi sbaglio…
Vabbè, torniamo ad argomenti più ameni: la pappa. L’altra sera, un po’ in preda a questo sensazione di monotonia, mi sono ritrovata tra le mani 2 grossi porri e una confezione di cubetti di prosciutto cotto vicina alla scadenza e zero idee su cosa preparare. Alla fine, fortunatamente, mi è arrivata l’illuminazione giusta: una torta salata! Con pasta matta per un risultato più leggero, visto che 10 minuti dopo ero già in sella alla mia bici in direzione lezione di Pilates. ;)

Tarte ai porri e prosciutto cotto
Autore: 
Portata: quiche e torte salate
Porzioni: 2
 
Ingredienti
  • per la base (pasta matta):
  • 180g di farina 00
  • 100ml di acqua tiepida
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 pizzico di sale
  • per il ripieno:
  • 2 porri grandi
  • 100g di prosciutto cotto a dadini
  • 80g di Leerdamer a fette
Procedimento
  1. Impastare tutti gli ingredienti della pasta matta, avvolgere il panetto ottenuto nella pellicola e lasciarlo riposare per una mezz'oretta.
  2. Nel frattempo, pulire i porri e tagliarli a rondelle non troppo sottili.
  3. Riscaldare una padella antiaderente con poco olio extravergine d'oliva e farvi saltare i cubetti di prosciutto per un paio minuti a fiamma vivace, abbassare e unire i porri. Proseguire la cottura, aggiungendo un goccio di acqua, fino a quando i porri saranno morbidi. Spegnere e tenere da parte.
  4. Preriscaldare il forno a 190°.
  5. Stendere l'impasto su un piano di lavoro infarinato e trasferirlo in uno stampo della dimensione giusta per raccogliere comodamente tutto il ripieno (ma potete anche trasferirlo un foglio di carta forno e, una volta riempito, ripiegare semplicemente i bordi sul ripieno).
  6. Stendere 2 fette di formaggio sulla base della tarte, ricoprire con il ripieno di porro e prosciutto e cospargere con il restante formaggio a pezzetti. Ripiegare i bordi eccedenti e cuocere nel forno caldo per 25-30 minuti, fino a doratura dei bordi e del formaggio.

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply
    la cucina della Pallina
    25 Febbraio 2015 at 12:13

    le torte salate salvano sempre!!! a me piacciono tutte sia con la sfoglia che con la brisée, ma con la pasta matta ho provato una sola volta :-)
    bacio grande
    raffaella

    • Reply
      unpinguinoincucina
      25 Febbraio 2015 at 13:42

      Mi piace molto la sua elasticità. Ricordo di averla usata anche per strudel e ciambelline salate. Per il resto, anche io vado molto sia di sfoglia che di brisée. ;)
      Bacioni

  • Reply
    lorenza venturini
    25 Febbraio 2015 at 15:39

    Non ho mai usato la pasta matta per fare torta salata, di solito uso pasta sfoglia. Ottima idea da mettere in pratica per cena quesra sera..Sono sicura che sarà buonissima. baci

    • Reply
      unpinguinoincucina
      26 Febbraio 2015 at 9:07

      La pasta matta è perfetta per quando non si hanno in casa le basi pronte, e poi è più leggera! ;)

  • Reply
    Valentina
    25 Febbraio 2015 at 19:08

    Ciao Danja :) Passo sempre troppo poco di qui (fortuna che c'è anche Facebook) ma ogni volta mi viene l'acquolina a mille con le tue proposte… adoro le tarte e questa deve essere buonissima! Complimenti e un bacio grande, buona serata! :**

    • Reply
      unpinguinoincucina
      26 Febbraio 2015 at 9:08

      Ciao cara, figurati, anche perché diventa sempre più difficile passare a fare un saluto. Grazie mille, un bacio grande!! :)

    Leave a Reply

    Ti piace questa ricetta?:  

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Send this to a friend